Isole della Toscana Versione Italiana
Arcipelago Toscano: Isola d'Elba, Isola del Giglio, Isola di Capraia, Giannutri, Montecristo, Pianosa e Gorgona
Isola d'Elba Capraia Giglio Pianosa Montecristo Giannutri Gorgona

HOME
Le isole della Toscana
Come arrivare
ISOLA D'ELBA
Campo nell'Elba
Capoliveri
Marciana
Marciana Marina
Porto Azzurro
Portoferraio
Rio Marina
Rio nell'Elba
Capraia Isola
Isola del Giglio
ALTRE ISOLE
Pianosa
Montecristo
Giannutri
Gorgona
  CAPRAIA ISOLA

Isola di Capraia Isola di Capraia
Al confine tra mar Ligure e mar Tirreno, l’isola di Capraia è la più lontana dalla terra ferma trovandosi più vicina alla costa orientale della Corsica che alla costa toscana.
Segue in grandezza l'Elba e il Giglio e deve il suo nome, secondo un’ ipotesi, alla presenza di capre selvatiche nell'isola, mentre secondo un'altra deriverebbe dal tema mediterraneo “karpa” con il significato di "roccia". Storicamente fu abitata a partire dalla fine del terzo millennio a.C da popolazioni fenicie, greche, etrusche e romane. In particolare fu sede di una intensa realtà religiosa quando il Cristianesimo dilagò a Roma. In epoca medioevale presidio dei pirati Saraceni, successivamente fu dominata dai Pisani e conseguentemente alla battaglia della Meloria fu soggetta all’egemonia genovese. Le vicende di questa isola la vedono protagonista di un clima avventuroso di conquiste e di guerra continua essendo governata prima dalla Corsica, poi dalla Repubblica di Genova, da quella di Pisa, dalla Francia e persino dall’Inghilterra.
E’ successivamente alla caduta di Napoleone, che fu assegnata dal Congresso di Vienna al Regno di Sardegna diventando parte della provincia di Genova fino 1925, quando con il Regio Decreto n. 2111, passò alla provincia di Livorno. Sede di colonia penale nel corso della seconda guerra mondiale, conservo’ questo suo ruolo fino al 1986. Dal 1989 fa parte del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, in quanto sita al centro del “santuario dei cetacei”, suo fulcro e perla.
Attualmente Capraia rappresenta una meta turistica, anche se conserva le peculiarità’ proprie di un’isola selvaggia a causa della ricettività’ ed una stagionalità che si estende nel periodo primavera/autunno. Per questo motivo conserva ancora una natura parzialmente incontaminata e acqua limpida che favorisce lunghe passeggiate immersi nella natura, immersioni subacquee, pesca dilettantistica. La caratterizzano coste scoscese a picco sul mare, rocce dai colori intensi, assenza di spiagge ed un piccolo bacino lacustre nell'area più interna collinosa. Spostandosi verso l’estrema punta meridionale si trovano resti di un antico vulcano, ora non più’ attivo, e sempre nella stessa zona si trova uno dei suoi punti più apprezzati: la Cala Rossa e la cala della Mortola, unica spiaggia sabbiosa.
L’Isola è Comune e fa parte della provincia di Livorno.

 
ACCOGLIENZA
Hotel
Bed & Breakfast
Affittacamere
Agriturismi
Campeggi
USCIRE
Ristoranti
Enoteche
Bar
ARTE
Borghi e paesi
Castelli e torri
Chiese
COMPRAR CASA
Immobiliari
2008 - 2016 © IsoleDellaToscana.it: info@isoledellatoscana.it | Credits




eXTReMe Tracker